S.I.A. - Sostegno per l'Inclusione Attiva

Nuovo decreto anno 2017

NOTA INFORMATIVA

Con il Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali (di concerto con il Ministro dell'Economia), del 16 marzo 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 aprile 2017, sono stati modificati alcuni criteri di accesso al SIA - il Sostegno per l'Inclusione Attiva.

Di seguito si riportano le principali modifiche introdotte dal suddetto Decreto:
• il punteggio minimo per l'accesso, relativo alla “valutazione multidimensionale del bisogno”, passa da 45 a 25;
• l'ammontare del contributo economico mensile viene incrementato di ulteriori € 80,00 per i nuclei familiari composti esclusivamente da genitore solo e da figli minorenni, come definito ai fini ISEE e risultante dalla DSU”. Il criterio si applicherà anche agli attuali beneficiari del SIA;
• il limite complessivo dei trattamenti economici, anche fiscalmente esenti, di natura previdenziale, indennitaria ed assistenziale, a qualunque titolo concessi dallo Stato o da altre amministrazioni pubbliche a componenti il nucleo familiare, riferito al nucleo familiare nel suo complesso, passa da € 600,00 mensili ad € 900,00 mensili “ in caso di presenza nel nucleo di persona non autosufficiente, come definita ai fini ISEE e risultante nella DSU”;
• il mancato possesso, da parte dei componenti del nucleo familiare, di “autoveicoli immatricolati la prima volta nei dodici mesi antecedenti la richiesta”, ovvero il “possesso di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc, nonché motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc., immatricolati per la prima volta nei tre anni antecedenti”, viene ora considerato “fatti salvi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità ai sensi della disciplina vigente”;
• il requisito relativo a “nucleo familiare in cui tutti i componenti in età attiva si trovino in stato di disoccupazione, dichiarato ai sensi dell'art.19 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n.150”, che concorre a determinare il punteggio di cui alla “valutazione multidimensionale del bisogno”, viene ora considerato al netto delle persone non autosufficienti ovvero inabili al lavoro e degli studenti;
• alla previsione originaria secondo la quale il beneficio economico è concesso, fermo restando la disponibilità di risorse, per un massimo di dodici mesi, viene ora aggiunto che, alla scadenza, “il sostegno non potrà essere richiesto se non trascorsi almeno tre Bimestri dall'ultimo beneficio percepito” e che “ in caso di revoca del beneficio, è necessario che intercorra un medesimo periodo di almeno tre Bimestri tra la revoca e l'eventuale nuova richiesta”;
• la sottoscrizione del progetto personalizzato di presa in carico avviene, da parte di tutti i componenti del nucleo familiare beneficiario, entro la fine del bimestre successivo a quello di presentazione della domanda, e non più entro 60 giorni dall’avvenuto accreditamento del primo bimestre.

L’INPS con circolare n.86 del 12.05.2017 ha fornito le istruzioni operative relative alle modifiche intervenute sulla disciplina.

L’Istituto provvederà a rielaborare d’ufficio, con verifica dei requisiti al 30 Aprile 2017 in base ai nuovi criteri, tutte le domande presentate entro il 29 aprile 2017, che siano state rigettate esclusivamente per effetto dell’applicazione di uno dei criteri modificati dal Decreto 2017.
Non dovranno ripresentare domanda di SIA i nuclei che si trovano nella situazione sopra descritta.

Nel corso del periodo di erogazione del beneficio, dovranno essere comunicate tutte le eventuali variazioni della situazione lavorativa e reddituale dei componenti il nucleo familiare, rispetto a quanto rilevato nella dichiarazione ISEE in corso di validità alla data di presentazione della domanda per il SIA.
A tal fine dovrà essere utilizzato il modello SIA-com, che dovrà essere compilato entro 30 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa, con l’indicazione del reddito annuo previsto.
Il SIA-com dovrà essere presentato anche in caso di variazione del predetto reddito previsto.
Analogamente tale modello dovrà essere utilizzato all’atto di richiesta del beneficio, qualora uno o più componenti del nucleo stiano percependo redditi da lavoro che non siano, tuttavia, stati valorizzati nell’attestazione ISEE in corso di validità al momento della domanda.
La comunicazione all’INPS del reddito annuo previsto, attraverso il modello SIA-com, verrà utilizzata ai fini della verifica della permanenza del requisito della condizione economica di bisogno (valore attestazione ISEE inferiore o uguale ad euro 3.000,00).

Chi interessato potrà rivolgersi all’Area Servizi alla persona del Comune di Pace del Mela -Area 5- Servizi Sociali-Personale
Responsabile Servizio: Raffa Marinella
RUP: Rosa Faranda
reperibili al n. 0909347244 e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In allegato:

  • Cos’è, come funziona
  • Circolare INPS
  • Decreto allargamento
  • Modello comunicazione variazioni
Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (sia cos'è come funziona.pdf)Cos'è, come funzionaScarica l'allegato180 Kb
Scarica questo file (circolareinps.pdf)Circolare INPSScarica l'allegato749 Kb
Scarica questo file (decretoallargamento.pdf)Decreto allargamentoScarica l'allegato838 Kb
Scarica questo file (SIA COMUNICAZIONE VARIAZIONI.pdf)Modello comunicazioni variazioniScarica l'allegato147 Kb
-Crediti   -Accessibilità   -Privacy   -Condizioni di Utilizzo   -Note Legali   -Informativa sui cookies

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media.
Proseguendo la navigazione o cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.